La democratizzazione degli investimenti immobiliari

Glosario del comprador 2

La democratizzazione degli investimenti nel mercato immobiliario è stato uno dei proncipali obiettivi di Housers sin dalla sua nascita.

Lo scoppio della bolla immobiliare, tanto in Spagna quanto in italia, ha messo in luce molte carenze dei sistemi immobiliari, soprattutto in riferimento ad una mancata legislazione e regolamentazione.

Negli anni del boom infatti chiunque poteva investire nel mattone, comprando per sè, comprando per investire e mettere l’immobile in affitto oppure comprando direttamente con l’obiettivo di rivendere il bene immobile maggiorato del guadagno da rivalutazione.

Tutti potevano investire nel settore immobiliare.

Tutti ad eccezione di chi non aveva il capitale sufficiente per acquistare un immobile in proprio.

Si puo’ affermare quindi che il mercato immobiliare dal punto di vista dell’investitore, è sempre stato riservato a pochi, in primo luogo per la grande quantità di capitale necessario per l’acquisto di una proprietà e in molte occasioni, la grande difficoltá per accedervi.

Una discriminazione legata esclusivamente alle dimensioni del portafoglio dell’investitore che non ha mai reso possibile una vera e propria democratizzazione relativa all’acquisto degli immobili.

Fino ad ora la maggior parte delle persone che hanno investito in immobili, hanno assunto i rischi questa attivita’ comporta senza essere a conoscenza delle relative conseguenze, senza potersi anche quindi tutelare prevedendo i principali problemi che possono incorrere nella gestione di un immobile.

L’eccessivo indebitamento realizzato negli anni del boom immobiliare per cifre pari o addirittura superiori al valore del bene (venivano infatti finanziati anche i costi notarili, la ristrutturazione e i mobili in alcuni casi), hanno portato al collasso del sistema, soprattutto perchè il valore delle ipoteche era molto superiore al valore del bene, non veniva applicato un calcolo prudenziale, mettendo in pericolo l’intero funzionamento del sistema.

Con questo sistema il propietario reale dell’immobile era la banca, cosa che molti non avevano considerato, soprattutto considerando i valori irreali degli immobili che le banche hanno avuto in pancia per anni senza mai svalutarli.

Del resto dal punto di vista del compratore non è mai esistita un’alternativa per acquistare immobili se non si disponeva del capitale suficiente.

Oltretutto dal punto di vista del gestore immobiliare, il fatto che non sia mai esistito un obbligo professionale per investire in immobili e rivenderli, ha reso ancora più facile il crollo del mercato. Una famosa citazione dice “Se pensi sia costoso assumere un professionista, prova ad assumere un dilettante”, il fatto che non ci siano state barriere all’ingresso nel mercato immobiliare, se non la disponibilità economica per aprire una società ed acquistare un bene immobile, ha reso la speculazione ancora più rischiosa, soprattutto dal punto di vista del risparmiatore che senza tutele ha perso l’investimento fatto o parte del valore di esso per via dell’incompetenza degli investitori.Se pensi sia costoso assumere un professionista aspetta di vedere quanto ti costa assumere un dilettante!Se pensi sia costoso assumere un professionista aspetta di vedere quanto ti costa assumere un dilettante!

Oltre alla preparazione professionale è indubbiamente mancato anche un sistema che assicurasse la massima trasparenza, senza la possibilità di essere bene informati era praticamente impossibile avere il controllo dell’investimento.

Non si ragionava nel lungo periodo ma nel breve, pensando che l’entrate dell’affitto potessero coprire i costi dell’ipoteca, senza calcolare l’ingerenza dei tassi d’interesse da pagare e della possibile insolvenza degli inquilini, oltre ai potenziali danni all’immobile.

Tutto ciò si trasformava in un’importante perdita per l’investiore oltre ad un mancato guadagno.

In Housers siamo coscienti di tutti questi problemi ma anche delle grandi opportunitá che il settore puo’ offrire se si effettuano le adeguate analisi e valutazioni con la giusta prudenza necessaria,  offrendo ai nostri utenti la possibilità di comprare in un mercato molto complesso attraverso una forma estremamente semplice e con molteplici vantaggi.

Oggi la democratizzazione del mercato immobiliario è un dato di fatto.

Questi sono i principali vantaggi della democratizzazione del mercato immobiliario:

  • Non avrai bisogno di indebitarti. Puoi acquistare partecipazioni a partire da 50€ e potrai essere propietario nel rispetto della legge. Tu decidi.
  • Avrai la possibilità di diversificare il rischio partecipando nell’investimento di vari immobili senza dover destinare tutta la tua disponibilità in un solo bene immobile, in questo maniera nell’improbabile caso in cui ci siano problemi con un immobile, sarai compensato dalle partecipazioni delle altre proprietà in cui avrai investito.
  • Le tue aspettative di rentabilità non saranno affette da alcun taglio drastico a seguito di situazioni impreviste dovute ad un’analisi erronea o inesistente. Noi di Housers facciamo tutto questo per te, con la garanzia che se i progetti vengono pubblicati nella piattaforma, sono gia stati esaustivamente analizzati e studiati con grande meticolosità.
  • Dimenticati delle spese aggiuntive, saranno previste nel business plan del progetto e la nostra commissione al massimo della trasparenza sarà una sola, applicata agli utili. Se non guadagni tu non guadagnamo nemmeno noi.
  • Non dovrai perdere il tuo tempo con le procedure burocratiche, notarili o di registro, Housers si occuperà di tutto questo.

Finalmente potrai essere libero di scegliere quanto investire, dove investire e per quanto tempo. Un investimento su misura per le tue esigenze.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*